C217 – Prove sismiche.

Il giorno 14 febbraio alle ore 10,30, contemporaneamente nelle due sedi, si svolgeranno le prove sismiche allo scopo di essere preparati al meglio per situazione di emergenza.

Ciascun insegnante presente nell’aula, laboratorio, palestra, ecc…, alle 10,30 comunica agli studenti l’inizio dell’emergenza sismica e illustra (secondo le indicazioni riportate di seguito) le modalità di intervento durante un sisma e simula le azioni da mettere in atto in aula, senza spostamento in cortile.

Prima fase

Ciascun insegnante presente nell’aula, laboratorio, palestra, teatro, ecc, rivolgendosi alla classe:

  • informa sui segnali di emergenza, sui percorsi da seguire in caso di abbandono dell’edificio e quale è il punto di raccolta assegnato riportati nel piano di emergenza;

  • spiega le principali disposizioni in merito la specifica emergenza simulata di seguito riportate.

DURANTE LA SCOSSA SISMICA

Se si è all’interno:

  • mantenere la calma;
  • non precipitarsi fuori;
  • restare nell’ambiente in cui ci si trova
  • attendere la fine della scossa in posizione di sicurezza
  • proteggendosi sotto banchi e cattedre, se possibile, altrimenti evitare di sostare al centro degli ambienti, disporsi vicino ai muri portanti e sotto le architravi, travi e lontano da oggetti che possano cadere (lampadari, ecc);
  • allontanarsi dalle finestre, porte con vetri, armadi e scaffali, ecc;
  • ove ci si trovi nei corridoi o nel vano scale, rientrare nel proprio ambiente o in quello più vicino ove attendere la fine della scossa in posizione di sicurezza;
  • dopo la scossa, all’ordine di evacuazione, abbandonare l’edificio attenendosi ai percorsi indicati nel piano d’emergenza;
  • utilizzare le regolari vie di esodo, escludendo gli ascensori;
  • recarsi al più presto nella zona di raccolta prestabilita;
    attendere istruzioni.
 
Se si è all’esterno
  • allontanarsi il più possibile dagli edifici, cornicioni, alberi, lampioni, linee elettriche, da alberi di alto fusto, da linee elettriche aeree e restare in attesa che l’evento cessi;
  • non avvicinarsi ad animali spaventati;
  • recarsi al più presto nella zona di raccolta prestabilita;
  • attendere istruzioni.

Seconda fase (simulazione)

Ciascun insegnante presente nell’aula, laboratorio, palestra, teatro, ecc, emana l’ordine verbale alla classe di mettersi in sicurezza avvertendo un’ipotetica scossa sismica.

  • Pertanto, tutti i presenti nel locale adottano i seguenti comportamenti:
  • restare nell’ambiente in cui ci si trova,
  • assumere la posizione di sicurezza proteggendosi sotto banchi e cattedre proteggendo almeno la testa ed il busto, se possibile, altrimenti evitare di sostare al centro degli ambienti, disporsi vicino ai muri portanti e sotto le architravi, travi e lontano da oggetti che possano cadere;
  • allontanarsi dalle finestre, porte con vetri, armadi e scaffali, ecc;
  • ove ci si trovi nei corridoi o nel vano scale, rientrare nel proprio ambiente o in quello più vicino ove attendere la fine della scossa in posizione di sicurezza.

Terza fase

Ciascun insegnante presente nell’aula, laboratorio, palestra, teatro, ecc, dopo 15-20 secondi circa, ipotizza la fine dell’emergenza, emana l’ordine verbale di emergenza finita, compila il solito modulo di evacuazione da far pervenite al referente di plesso.

Il DSGA:

  • informa il personale sui comportamenti da tenere (vedi le indicazioni sopra riportate “se si è all’interno” e ” se si è all’esterno”;
  • emana l’ordine verbale ai presenti di mettersi in sicurezza avvertendo un’ipotetica scossa sismica.

Pertanto, tutti i presenti (AA, CS) adottano i seguenti comportamenti:

  •  restare nell’ambiente in cui ci si trova,
  • assumere la posizione di sicurezza proteggendosi sotto scrivanie/cattedre proteggendo almeno la testa ed il busto, se possibile, altrimenti evitare di sostare al centro degli ambienti, disporsi vicino ai muri portanti e sotto le architravi, travi e lontano da oggetti che possano cadere;
  • allontanarsi dalle finestre, porte con vetri, armadi e scaffali, ecc;
  • ove ci si trovi nei corridoi o nel vano scale, rientrare nel proprio ambiente o in quello più vicino ove attendere la fine della scossa in posizione di sicurezza;
  • dopo 15-20 secondi circa, ipotizza la fine della emergenza, emana l’ordine verbale di emergenza finita, compila il solito modulo di evacuazione da far pervenite al referente di plesso.
     

In caso di plesso succursale i CS presenti si atterranno alle stesse procedure seguendo i comandi impartiti dall’insegnante nella classe ad essi più vicini.

Infine, l’addetto alla compilazione del registro delle manutenzione antincendio, riporta la data della simulazione sismica.

Il Dirigente Scolastico
Dott.ssa Cristina Costarelli

Circolare pubblicata alle ore 17:04

Usiamo i cookie per darti un’esperienza di navigazione il più soddisfacente possibile. Puoi trovare informazioni sui cookies che usiamo e come disabilitarli nelle nostre impostazioni per la privacy.
AccettaPrivacy Settings

GDPR

  • Cookie

Cookie

Questo sito usa dei cookies per migliorare la tua esperienza d’uso con la piattaforma. Per sapere come li utilizziamo, leggi la nostra politica per la privacy. Qui puoi abilitare o disabilitare i cookies.