Comunicato CUB Scuola

SCUOLA – SALUTE – SICUREZZA, OVUNQUE E SEMPRE PER TUTTI

VENERDÌ 20.11.2020 ORE 11.00 ASSEMBLEA PUBBLICA

presso la DIREZIONE della Asl Roma 2 via BREGHENTI , 23 (Casalbertone)

Dopo mesi di tentativi per trovare una interlocuzione tra le istituzioni (Scuola, Amministrazione Penitenziaria e ASL) al fine di attuare tutte le normative governative per la riapertura della Scuola in sicurezza, a due mesi dalla ripresa delle lezioni: la ASL RM2 “suggerisce” di permettere l’ingresso ai docenti SOLO se muniti del responso del tampone molecolare o del test sierologico da esibire ogni 15 giorni. Dal 17 novembre, la principale struttura penitenziaria di Rebibbia dispone quanto “suggerito” dalla ASL e la scuola da allora è chiusa.

Nessuna delle due istituzioni:

  • si preoccupa di indicare come e quando i docenti possano adempiere a tale indicazione;
  • si è preoccupata di rispondere alla Scuola in merito alla proposta del Protocollo di Sicurezza.

Il Protocollo tra le istituzioni è un atto dovuto che oltre a garantire l’ingresso ai docenti, deve predisporre tutte le misure ed impegnare le istituzioni (ognuna per le sue competenze) per far si che:

  1. lo svolgimento delle lezioni avvenga in sicurezza (DPI agli studenti, condizioni igieniche basilari, segnaletica.. ecc); gestione dei casi critici di sospette positività;
  2. si organizzi la didattica nel caso estremo di una chiusura totale;
  3. trasparenza e tempestività nelle comunicazioni tra istituzioni tali da consentire adeguate risposte ai tanti problemi che questa pandemia ci pone.

La scuola, con tutte le difficoltà che quotidianamente deve affrontare, ha garantito i DPI al personale, un primo stock di mascherine e gel per gli studenti, adottando il suo Protocollo preventivamente anche per i casi sospetti di positività al virus.

Gli insegnanti devono essere messi in condizione di svolgere il loro compitoanche in qualità di dipendenti pubblici. 

Gli studenti reclusi devono vedere rispettati i loro diritti fondamentali alla salute e all’istruzione, come previsto dalle norme e dai dettami costituzionali.

I docenti della scuola nel carcere di Rebibbia si mobilitano per reclamare dalla Asl e dalla Direzione dell’Istituto Penitenziario direttive condivise con la Scuola assumendo quelle che sono le loro reali prerogative e responsabilità.

  • La ASL RM2 deve garantire la sicurezza dei dipendenti pubblici ovunque prestino servizio!
  • LA SCUOLA IN CARCERE DEVE ESSERE IN PRESENZA E IN SICUREZZA!!!

E’ legge dello Stato. La didattica a distanza in carcere è per ora un’utopia e, per lunghi periodi, è comunque inadeguata per la popolazione reclusa;

  • LA PRIMA PREVENZIONE E’ L’IGIENE!!! 
  • LA TRASPARENZA DEI DATI è fondamentale per contrastare i due principali rischi: sottovalutazione dei pericoli e/o allarmismi sconsideratiIL PROTOCOLLO PER LA SICUREZZA TRA SCUOLA E CARCERE DEVE ESSERE FIRMATO!

Sono anni che la scuola, la sanità, la giustizia e tutto il servizio pubblico subisce tagli, e oggi tutti ne paghiamo le conseguenze con sempre meno mezzi, i docenti non hanno mai rinunciato al proprio ruolo. 

Non lo faremo ora!

Usiamo i cookie per darti un’esperienza di navigazione il più soddisfacente possibile. Puoi trovare informazioni sui cookies che usiamo e come disabilitarli nelle nostre impostazioni per la privacy.
AccettaPrivacy Settings

GDPR

  • Cookie

Cookie

Questo sito usa dei cookies per migliorare la tua esperienza d’uso con la piattaforma. Per sapere come li utilizziamo, leggi la nostra politica per la privacy. Qui puoi abilitare o disabilitare i cookies.